Spagna: Valencia, percorso nella natura per i giovani con l’Arcivescovo

spagnaSe da una parte il mondo sembra diventare sempre più “virtuale”, nelle esperienze e nei rapporti, dall’altra sono le iniziative di contatto “fisico” con il creato che trovano maggior fortuna. Questo anche in campo spirituale. Poiché non si dà spirito se non incarnato. Lo ha capito bene la Chiesa – di sempre e di ogni latitudine – che propone, ad esempio, la fatica e la gioia del cammino come strumento per incontrare il trascendete. Sempre, ed in specie nel periodo quaresimale.

Su questa linea si pone allora la proposta della Commissione diocesana per l’infanzia e la gioventù, insieme con l’èquipe di Pastorale giovanile e vocazionale della vita consacrata di Valencia, che ha organizzato per il prossimo sabato la seconda edizione della “Ruta Gent Jove”, un percorso nella natura tra Buñol e Siete Aguas, di 13 chilometri, al quale parteciperà l’arcivescovo di Valencia, monsignor Carlos Osoro.

L’iniziativa è rivolta a tutti i giovani della diocesi, che possono iscriversi al percorso sul sito www.redjoven.org

Per partecipare è necessario portare con sé “uno zaino, una protezione solare, un impermeabile, abiti comodi, berretto a visiera, scarpe da montagna, panino per uno spuntino, un pasto e una merenda, una borraccia”.

Il pellegrinaggio incomincerà dall’eremo di San Luis Bertrán di Buñol alle ore 9, dopo le preghiere della mattina, e l’arrivo sarà dopo mezzogiorno a Siete Aguas. Una volta lì si terranno alcuni laboratori intitolati “Verso dove si dirige la mia vita di fede?” e si celebrerà un’Eucaristia che concluderà la giornata alle 18,30.

L’iniziativa, spiegano gli organizzatori, ha come obiettivo quello di “offrire un’attività di svago sano ai giovani” e al tempo stesso di “aiutarli a riflettere osservando la creazione e a intavolare un dialogo con gli altri partecipanti e con Gesù”.